Unire non dividere.

Unire non dividere.

Spesso si sente dire frasi tipo: dobbiamo far sparire la povertà o la ricchezza; altre volte rimaniamo sconvolti dal fatto che esista il “male”; amiamo la vita e vorremmo annientare la morte; illuminiamo a giorno le nostre città cercando di far sparire il buio.

Ho fatto esempi semplici ma in realtà le divisioni sociali ed i tentativi di annientare l’opposto troverebbero un elenco interminabile.

Per quanto tutto questo sia comprensibile e molto spesso nobile, questo è un piano duale, per quanti sforzi si possano fare tutto avrà sempre il suo corrispettivo opposto è una legge fondamentale di questo piano fisico.

Il nostro obbiettivo, non è cercare di annientare un opposto ma bensì unire, quando in un qualche cosa  riconosciamo i due opposti come un unica frequenza su una scala diversa, allora produciamo un unione ed all’interno di quella unione possiamo anche lavorare su quella frequenza.  Iniziamo a riconoscere che anche il povero ed il ricco sono su un unica stessa frequenza, non c’è separazione ed ogni gradino di quella scala, che sia esso ascendente o discendente è fondamentale per la nostra crescita.

Questo può essere uno dei primi passi verso un percorso di unificazione e dovremmo sempre ricordarci che in realtà chi aspira alle divisioni sono i nostri ego. Personalmente ho sempre definito gli ego come entità esclusiviste e questo spiega perchè amino le divisioni, fosse per loro, dovrebbe esistere solo la loro frequenza e posizionata sulla loro scala.

Se questo non dovesse bastare, proviamo a vedere meglio cosa significa in realtà il termine diavolo.

Magari qualcuno lo immagina con smoking e lunghe corna rosse ma Il termine “diavolo” diábolos, significa (“dividere”, “colui che divide”).

L’aspetto dualistico di ogni cosa ed il relativo piano di frequenza è un aspetto fondamentale per chi decide di intraprendere un determinato percorso.

FC s7ars

Seguici:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.